7 milioni di morti nel mondo dovuti all’inquinamento dell’aria

Le stime dell’Organizzazione mondiale della sanità confermano che l’inquinamento dell’aria è oggi un rischio sanitario ambientale prioritario.

Circa 7 milioni di persone (pari a un ottavo del totale dei decessi nel mondo) sono morte nel 2012 in conseguenza dell’esposizione all’inquinamento atmosferico: sono queste le ultime stime dell’Organizzazione mondiale della sanità, rilasciate il 25 marzo 2014. Questi dati raddoppiano le stime precedenti e confermano che l’inquinamento dell’aria è oggi il rischio sanitario ambientale più importante nel mondo.

I nuovi dati mostrano una connessione più forte dell’esposizione all’inquinamento (sia indoor che outdoor) con i disturbi cardiocircolatori, come infarti e ischemie, e con il cancro. Questo si aggiunge al ruolo dell’inquinamento atmosferico nello sviluppo di disturbi respiratori, anche acuti e cronici.

Le nuove stime si basano non solo su una maggiore conoscenza sui disturbi causati dall’inquinamento, ma anche su una migliore valutazione dell’esposizione umana agli inquinanti grazie all’uso di migliori strumenti di misura e tecnologie. Questo ha permesso agli scienziati di ottenere un’analisi più dettagliata dei rischi per la salute in aree demografiche più ampie, che comprendono sia aree urbane che aree rurali. L’incidenza maggiore dei disturbi si ha nei paesi a basso e medio reddito (regione del Sud-Est asiatico e del Pacifico Occidentale).

“Il risanamento dell’aria che respiriamo – afferma Flavia Bustreo, vicedirettore generale Oms-Salute di famiglie, donne e bambini – previene malattie non trasmissibili e riduce i rischi di disturbi nelle donne e nei gruppi di popolazione più vulnerabili, come bambini e anziani. Donne e bambini poveri pagano un prezzo pesante per l’inquinamento indoor, in quanto passano più tempo in casa, respirando il fumo di stufe e cucine a legna o a carbone”.

“I rischi legati all’inquinamento atmosferico – aggiunge Maria Neira, direttore del Dipartimento Oms Salute pubblica, determinanti ambientali e sociali della salute – sono molto maggiori di quanto si pensasse o si fosse capito prima, in particolare per quanto riguardi disturbi cardiaci e infarto. Pochi rischi hanno un impatto così grande sulla salute globale oggi. Le evidenze scientifiche mostrano la necessità di un’azione concertata per un’aria più pulita”.

Le stime dell’Oms dicono che 4,3 milioni di morti sono legate all’inquinamento indoor e 3,7 milioni a quello outdoor. Molte persone sono esposte a entrambi.

In molti casi, afferma la relazione, strategie per il risanamento dell’aria sarebbero anche più economiche a lungo termine, considerati i risparmi per le cure dei disturbi legati all’inquinamento.

Vai alla pagina dello studio OMS

WHO_aria2014

 

Fonte: arpa.emr.it

 

nuvap
Know your home, protect your health.
Nuvap Srl is an innovative start-up company in accordance with art. 25 of Legislative Decree 179/2012 the so-called Growth Decree, it is entered in the appropriate section of the Company Register of the Chamber of Commerce of Pisa.