Vimercate, 17enne morto dopo il party in casa: ucciso dal monossido. Grave l’amico

E’ l’ipotesi che prende corpo dopo i test tossicologici eseguiti sul 18enne ricoverato: esclusa la presenza di droga nel sangue. Nell’appartamento i carabinieri non hanno trovato traccia di stupefacenti.

Prende sempre più consistenza l’ipotesi che sia stato un avvelenamento da monossido di carbonio la causa della tragedia di Vimercate, paese della Brianza dove, in un appartamento in via Ponti, Michael Minunno, 17 anni, di Concorezzo, è stato trovato morto e Nicola F., 18 anni appena compiuti, in stato di incoscienza. A convincere inquirenti e investigatori che si sia trattato di una disgrazia dovuta a un probabile malfunzionamento nell’impianto di riscaldamento – si parla di una anomalia in un tubo – è il fatto che le analisi del sangue effettuate sul 18enne, ricoverato al San Gerardo di Monza e che è mantenuto in coma farmacologico ma non è in pericolo di vita, non hanno rivelato alcuna traccia di sostanze stupefacenti.

Inoltre dalle perquisizioni finora effettuate dai carabinieri nell’appartamento dove la sera prima del ritrovamento dei due amici, uno morto e l’altro privo di sensi, era stato organizzato un party di compleanno, non è stata sequestrata alcuna droga, ma solo qualche bottiglia di alcolici, come in un normale party tra ragazzi.

A questo punto, per capire con certezza quale sia stata la causa della tragedia e se davvero sia stata provocata da esalazioni di monossido di carbonio, bisognerà attendere gli esiti dell’autopsia sul corpo di Michael, prevista per lunedì 5 gennaio.

 

Fonte: milano.repubblica.it

 

nuvap
Know your home, protect your health.
Nuvap Srl is an innovative start-up company in accordance with art. 25 of Legislative Decree 179/2012 the so-called Growth Decree, it is entered in the appropriate section of the Company Register of the Chamber of Commerce of Pisa.